Login Registrati

Si riparte con i CIU Mixed

Si riparte con i CIU Mixed
 

Intervista Responsabile Commissione Campionati ed Eventi FIFD.

Dopo l’inevitabile annullamento dei Campionati Italiani 2020, la Federazione Italiana Flying Disc (FIFD) ha deciso di ripartire. Approvati i vari protocolli di sicurezza, con diverse squadre che già hanno cominciato ad allenarsi da fine estate, il primo evento federale della Stagione 2020-2021 saranno i Campionati italiani Mixed. Abbiamo intervistato in merito il Responsabile della Commissione Campionati ed Eventi, Davide Rossetton.

Finalmente si riparte. Quali sono le aspettative della Commissione Campionati ed Eventi per questi CIU Mixed?

Innanzitutto, è doveroso fare un plauso al nuovo Presidente Salvatore Comis ed a tutta la nuova squadra “di governo” che compongono l’attuale direttivo della Federazione Italiana Flying Disc, che ha permesso il proseguo della normale attività della FIFD, nonostante la difficile situazione. Detto questo ripartiamo da dove ci siamo fermati, infatti gli ultimi avvenimenti sportivi federali prima del lock-down furono proprio i
Campionati Italiani mixed. Le aspettative principali di FIFD e della Commissione Campionati ed Eventi sono semplici: che si riesca a svolgere il Campionato Mixed, basato su più week end, in totale sicurezza, e che la fortuna ciassista per poter arrivare fino alla sua conclusione, aspetto non scontato visto l’evolversi giornaliero dei contagi e delle possibili ed eventuali restrizioni.

Quanto è stato difficile trovare i campi, predisporre procedure anti COVID, valutare pro e contro, per gestire tutto in sicurezza?

Per questo aspetto dobbiamo ringraziare soprattutto la Commissione Medica, nuova “componente” federale che, mai come in questo periodo, è di vitale importanza per garantire agli atleti una tranquillità sanitaria durante tutti i momenti di gioco, che siano allenamenti o partite. È proprio questo organo a trasmettere tutte le indicazioni sanitarie alle ASD per le loro sessioni didattiche, gli eventi sportivi privati e federali. Di certo mai come oggi dovremmo tutti fare la nostra parte e rispettare i dettami dei regolamenti che ci verranno man mano trasmessi, per la nostra incolumità e quella del prossimo; un vero esempio di spirito del gioco.

Siete preparati ad eventuali imprevisti, sia dal punto di vista di eventuali questioni sanitarie o di problemi a livello meteorologico? Si potrà eventualmente recuperare qualche partita?

Sotto il profilo medico la Commissione Medica ha espresso nel Regolamento tutte le direttive da seguire in ambito sanitario in caso di contagio. Per quanto concerne invece le problematiche relative al meteo
non penso che ci dobbiamo preoccupare più di tanto: sappiamo che la bella stagione è ormai alle spalle e si potrebbero prospettare week end piovosi e freddi, comunque nel caso ci dovesse essere l’inagibilità di
qualche campo, la Commissione Campionati ed Eventi valuterà volta per volta il da farsi, di certo abbiamo voluto condensare il campionato il più possibile sia per un fattore sanitario (più  freddo, più rischio ammalati,
possibili contagi), sia meteorologico. Non è da scartare comunque l’idea di poter, eventualmente, “allungare” in caso di estrema necessità.

Dal punto di vista meramente sportivo, cosa potrà fare la differenza in questi primi CIU del 2020-2021?

Sicuramente la prestazione atletico/fisica la farà da padrone, chi sarà riuscito a mantenere, rafforzare, una buona condizione sportiva durante questo periodo passato (tra lock down e distanziamenti vari), alla lunga
verrà fuori. Poi l’esperienza comunque agevolerà coloro i quali calcano sempre i “piani alti” della classifica. Sarà da seguire con particolare attenzione anche la serie cadetta che, mai come quest'anno, sarà ricca di nuovi teams. Concluderei con un grosso in bocca al lupo a tutti per questa ripresa, con l’augurio di non doverci più fermare.

Ricordiamo che i CIU Mixed inizieranno il 17 ottobre con la prima giornata di Serie A che verrà disputata a Padova. Il giorno dopo sarà la volta, sui campi di Verona, della Serie B.

di Roberto Calzà